fbpx

Posso imparare a suonare il 🎷sax in modo 😎PROfessionale?

Posso imparare a suonare il sassofono in maniera professionale?

Una delle domande che spesso le persone e i miei allievi mi pongono è proprio questa: “potrò mai imparare a suonare il sax in maniera professionale come un vero sassofonista? Riuscirò?”

Te lo sei chiesto anche tu vero? 

La mia esperienza personale

Prima di risponderti subito ti racconto qualcosa su di me, sulla formazione di Tommaso, colui che aspira a farti amare questo bellissimo strumento. IO! 

Quindi mettiti bene comodo e leggi attentamente!

Ho cominciato a suonare quando avevo 6 anni! Esatto, hai letto bene, ero veramente piccolissimo. Ora che sto scrivendo sono passati 24 anni…

A 17 anni ho cominciato ad insegnare in maniera seria, diciamo professionalmente. Tutto questo è stato possibile dopo aver vinto una borsa di studio per insegnare all’interno della scuola media del Conservatorio di Milano. 

Ho insegnato per 2 anni ai ragazzi delle scuole medie per poi successivamente passare alle scuole elementari in cui invece mi sono fermato per un periodo leggermente più lungo, 3 anni.

La svolta nella mia carriera come didatta

Nel 2011 ho pubblicato le mie prime lezioni online su Youtube (le trovi qui). Quello è stato il punto di svolta della mia carriera didattica!

Perché?

Te lo spiego subito. Ho realizzato quei video con un grande entusiasmo e anche con un po’ di paura in quanto non mi sentivo abbastanza autorevole da poter insegnare determinate cose  per le quali ero convinto ci volessero anni ed anni di esperienza. Decisi comunque di mettermi alla prova e le pubblicai! 

Ebbi un enorme successo, quasi impensabile! Centinaia di contatti ogni giorno, tra email e commenti sui video. Telefonate, richieste di insegnamento… Insomma un putiferio positivo inaspettato e quasi “assurdo”. 

Fu in quel momento che decisi di dare una svolta alla mia carriera e di aprire finalmente la mia prima e vera scuola di sax a Milano, avventura durata ben 5 anni!

Breve parentesi: raccontare la mia storia, oltre a darti degli spunti didattici utili, credo fortemente possa essere fonte di ispirazione, in quanto potrai prendere spunto e provare a trovare qualcosa da “rubare” che ti sia utile per la tua carriera e la tua passione. Sono qui per questo! Torniamo a noi…

Ho avuto più o meno 300 allievi in questi anni, di cui tantissimi di loro suonano ancora e forse sono anche sulla strada giusta per diventare degli ottimi sassofonisti.

Stavo parlando della mia scuola di sax a Milano giusto? Il grosso problema della mia scuola era che, sì molte persone riuscivano a raggiungermi anche da lontano, ma tante invece no, e non potevano seguirmi perché dall’altra parte del Mondo. 

La domanda che ti farai è: ok Tommaso, ma non ci sei mica solo tu, ci sono decine e decine di insegnanti di sax, possibile che volevano solo te? 

Che ti devo dire?! So solo che in pochissimo tempo ero riuscito a far appassionare talmente tanto il mio pubblico,  che mi imploravano di creare un videocorso o fare degli Skype per loro.

Cosa ho deciso di fare dopo?

Bella domanda mio caro lettore!

Dopo l’entusiasmo, la felicità e la grande passione che dedicavo a ogni mio singolo allievo, iniziai a notare che non avevo più tempo da dedicarmi, da dedicare al mio amato sassofono. Già, come in tutte le belle storie, c’è anche il lato meno buono, i dietro le quinte! 

Iniziai a sentirmi quasi soffocare, iniziai a diminuire il numero di concerti e anche il tempo in cui suonavo.

Inoltre in questo stato confusionale ero arrivato ad un punto in cui sentivo che didatticamente ero in stallo. Ciò che conoscevo didatticamente non era più abbastanza. Volevo portare di più ai miei allievi. Volevo trovare nuove tecniche e modi creativi di insegnare. Forse ero anche un po’ stufo. Iniziai a farmi e rifarmi sempre la tua stessa domanda: “come posso far arrivare le persone a risultati superiori nel minor tempo possibile?”

Portai avanti questa domanda per un po’ di tempo. Iniziai a ristudiare un po’ di cose, anche di base, volevo trovare il modo di fare la differenza. La passione che trasmettevo non era più abbastanza per me. Ci volevano risultati decisamente superiori per fare la vera differenza. Cominciai a rifiutare tutte le richieste, rinunciai a tanti allievi, e arrivai a chiudere il sito dove mi arrivavano richieste. Ero diventato matto? 

Non credo. Semplicemente non mi piaceva e non mi piace neanche oggi non essere al TOP in quello che faccio. Sentivo di non essere all’altezza del mio compito. 

Le mail, le richieste, i messaggi continuavano sempre ad aumentare.. la mia casella di posta era veramente piena, sempre con la stessa domanda “Tommaso mi potresti insegnare a suonare il sassofono?”

La mia prima esperienza di insegnamento a distanza

Passarono diversi mesi, in realtà quasi 2 anni, ehhehe, già! Il tempo per far dimenticare alle persone chi ero e cosa facevo. Dico sul serio! 

Adesso sarai sicuramente un po’ scettico e quasi non crederai a ciò che stai leggendo, eppure posso garantirti che è possibile ed è tutto vero!

Dopo le centinaia di richieste e dopo aver CHIIUSO la mia scuola a Milano, decisi di cominciare ad accettare le proposte di lezione a distanza. Iniziai con una persona, la mia prima allieva in questo nuovo “mondo”, in questo nuovo esperimento, fu Tiziana Zito.

Ero scettico anche io, non ti preoccupare, per dimostrarti che quello che dico è tutto vero ti lascio a QUESTO LINK la sua video testimonianza. Nel video ti parlerà lei stessa della sua storia e della sua esperienza con me, inoltre avrai la possibilità di sentire anche come suona il sassofono a distanza di tre anni.

Impressionante, vero?

Con lei ho iniziato questa nuova esperienza, questo nuovo metodo di insegnamento, tramite WhatsApp ( in realtà i primi audio furono tramite Messenger).

Impossibile Tommaso, non si può imparare a suonare uno strumento da zero con dei messaggi al cellulare! (tipica frase di chi non mi conosce e non è stato allievo dell’ACADEMY VSAXOPHONE)

Se sei arrivato a leggere fin qui ti consiglio di continuare perché sta per arrivare la parte migliore!

Tiziana non potendo raggiungermi personalmente decise di intraprendere con me questo nuovo percorso.

Era un continuo scambio di video e di audio, in cui lei suonava facendomi sentire e vedere e io le rispondevo correggendola e aiutandola.

Con Tiziana ho avuto dei risultati incredibili, superiori a quelli che avrei potuto ottenere dal vivo. Avendo insegnato nelle varie scuole il confronto era quasi d’obbligo. Incontro 1 volta la settimana dal vivo VS whatsapp! Hahahah, fa quasi ridere, anzi anzi, fa proprio ridere. Qualsiasi insegnante si metterebbe a ridere! Però vinceva a mani basse Whatsapp e il metodo giornaliero. Libertà per l’allievo, libertà per me e risultati sopra la media per il fatto che si faceva lezione quasi ogni giorno. 

Quindi Tommaso mi stai dicendo che sei riuscito ad avere risultati migliori “virtualmente” che nella realtà?

Esattamente, è andata proprio così.

Ma continuamente incredulo pure io dei risultati che stavamo ottenendo in così poco tempo e attraverso questo nuovo metodo decisi di confrontarmi con alcuni miei colleghi, anch’essi rimasero stupefatti e mi confermarono ciò che stavo vivendo.

Il decollo del mio primo progetto “Vivaldi Saxophone Accademy”

Orgogliosissimo di questi risultati decisi di ampliare questo lavoro rendendolo un vero e proprio progetto che prese il nome di “Vivaldi Sax Accademy” e ad oggi si chiama semplicemente “VSaxophone” (V sta per Vivaldi ovviamente!).

Sei ancora incredulo e credi che sia impossibile imparare a suonare il sassofono senza un insegnante in carne ed ossa davanti a te? E meno male!!! 

Permettimi di rimandarti a questa pagina dove potrai ascoltare tutte le testimonianze dei miei allievi che hanno creduto nel progetto. 

Ancora scettico? Ormai non credo proprio. I risultati sono strabilianti e si vede. Pensa che praticamente nessuno di loro l’ho mai incontrato dal vivo, li ho seguiti a distanza, ognuno dal proprio luogo! Roma, Torino, Siracusa, Napoli, dalla Germania, della Francia, dagli STATI UNITI, dalla Svizzera…

Ma Tommaso, che cosa fanno adesso i tuoi allievi, li segui ancora?

Come dissi prima, per quanto possa sembrarti strano molti di loro suonano e tanti di essi sono diventati dei semi professionisti: suonano nei locali, nei bar, hanno creato dei loro gruppi, insomma tutto nella norma per essere dei veri e propri sassofonisti! Poi ovviamente dipende da ognuno. Molti decidono di approcciarsi al sax per passione e quella rimane. Altri decidono di approfondire un po’ di più investendo più tempo. Insomma ognuno decide in autonomia cosa fare. 

I miei progetti non finiscono qui!

Fui talmente soddisfatto di questo progetto che io stesso nel 2017 decisi di dare nuovamente una svolta e ampliarlo una volta per tutte.

Stavolta avevo ideato una cosa in grande, una cosa fuori dal comune: decisi di sviluppare una vera e propria applicazione, un’APP per Smartphone e Tablet. 

Ma cosa è questa app di cui mi parli? Mi spieghi un attimo meglio?

Dopo il successo avuto con Tiziana e il mio gruppo ristretto di allievi, ho deciso di creare una sorta si WhatsApp moderno e rivisitato, in modo che si adattasse al meglio alle nostre esigenze. 

Composta all’interno da una semplice chat multimediale con cui potevamo condividere video, inserire tutti i contenuti didattici riguardo all’insegnamento del sassofono, inserire i nostri audio, scambiarci consigli per migliorare le tecniche e così via!

Anche stavolta l’applicazione ebbe un enorme successo e ancora una volta il mio lavoro fu apprezzato da una lunghissima serie di persone.

Per farti un piccolo esempio fui contatto pure dal Corriere della Sera per scrivere un articolo (che puoi leggere da qui) in cui mi intervistarono per capire effettivamente cosa era questa applicazione di cui tutti parlavano e cosa la rendeva così tanto originale. 

Non posso negarti però le critiche e i colpi bassi che negli anni mi sono arrivate dai vari musicisti invidiosi. 

Il motivo?

Sai le persone usano la bocca perché è li montata sulla faccia,  in altri casi invece erano dettate dalla “rabbia” in quanto effettivamente stavo portando via una fetta di mercato non indifferente. Si sono un po’ cattivello a dire cosi, però quando lavori duro e senti i commenti di chi non sa, e parla, un po’ ti rigirano, non credi?

Un esempio? Ti ricordi quando ti raccontai della Scuola di Sassofono aperta a Milano? Ovvio che si!

Ecco, in quel caso, in quel contesto le altre scuole iniziarono a farmi una lotta, una guerra infinita semplicemente per il fatto che non avevano più allievi, tutti volevano venire da me a imparare e Google indicizzava i miei contenuti, spesso gratuiti!

Questo piccolo aneddoto non te lo racconto per aumentare il mio ego (che sia ben chiaro), te lo racconto senza alcun senso di presunzione ma semplicemente perché essendo un vero e proprio appassionato di didattica e anche del sassofono (come penso tu abbia già intuito), mi sembra giusto farlo per farti capire che c’è chi insegna per scaldare la sedia e chi invece lo fa perché ha una passione per la didattica.

Per esempio quando avevo la scuola si sax: davo in noleggio il sax nel caso in cui il mio studente non lo avesse per poter così evitare che spendesse soldi. Inoltre, cosi avevo anche la conferma che avesse già in mano un buon strumento da poter usare sempre, davo queste possibilità, non del tutto scontate e sopratutto che nessuno dava.

Quindi Tommaso nella tua lunga esperienza, come risponderesti alla mia domanda? “Posso davvero diventare un PROfessionista del Sassofono?”

Di allievi e di studenti ne ho avuti tanti ed è grazie a loro che sono riuscito a creare un buon metodo di apprendimento efficace e insostituibile!

Detto ciò, rispondendo alla tua domanda iniziale “posso diventare un professionista del Sax?” La risposta è: SI, ovvio che si.

È importante avere obiettivi chiari, una strategia e una buona costanza nell’allenamento. Si possono mettere giù delle buone basi anche subito, ma sarai tu poi a decidere se diventare un vero professionista o meno.

Puoi mandarmi video, audio, rimanere in contatto quotidianamente e costantemente senza dover aspettare quel fatidico giorno a settimana in cui potermi porre le tue domande, come succede nelle scuole tradizionali di musica.

In questo modo, grazie all’Academy potrai mandarmi i tuoi allenamenti, da casa tua o dove vuoi, nel giorno che vuoi e nell’orario che meglio preferisci. Video, audio, domande. Incredibile non è vero? E non abbiamo ancora parlato del gruppo di supporto! Una community fatta di persone come te pronta a supportarti e darti consigli appassionati. 

La tecnologia va sfruttata nel migliore dei modi e credimi che questo è uno dei migliori in assoluto. Poter mettere mano allo strumento nel momento in cui meglio preferisci non è assolutamente paragonabile alla scuola di musica tradizionale. E lo dico io che di esperienze in quel senso ne ho fatte! 

IMPORTANTE: I rapporti umani non sono da mettere in dubbio, in nessun caso

Aspetta, non fraintendere quello che ti ho appena detto! I rapporti umani e personali dal vivo sono importantissimi e non è da mettere in dubbio la loro efficacia.

Per questo motivo ho due possibilità di incontro. La prima è sempre a distanza, ma è in diretta, trovi QUI tutte le info! 

La seconda invece è proprio dal vivo. Organizzo infatti 2 volte l’anno l’evento che si chiama “VSaxophone Expericence” un master dove io insieme ai miei allievi o chiunque desideri partecipare, ci incontriamo e facciamo baldoria…no scherzo!! 

Cosa facciamo durante l’incontro?

Ci intratteniamo in tutti i modi possibili: si studia insieme, si conoscono nuove persone con la nostra stessa passione per il sassofono ma soprattutto ci divertiamo assai!

Con tutto quello che ti ho detto forse  ti sentirai confuso, ma permettimi di chiarirti le idee con un piccolo riassunto.

Ho avuto varie esperienze, tra cui la possibilità di insegnare in varie scuole e di aprirne una mia per 5 lunghi anni. 

Con il nuovo metodo di cui ti ho parlato, dove tutto si svolge online ho potuto costatare che effettivamente i risultati ci sono e non solo! Sono anche migliori e notevolmente superiori a qualsiasi allievo che frequenta una scuola di musica tradizionale. 

I costi sono decisamente più bassi e i contenuti didattici sono decisamente superiori e personalizzati. Inoltre li puoi seguire dove vuoi, quando vuoi e quante volte vuoi! 

Hai la possibilità di confrontarti con altre persone che stanno facendo il tuo percorso traendo così moltissimi vantaggi. 

Vsaxophone ACADEMY  è a numero chiuso e SOLO su selezione.

I posti sono limitati!

Controlla subito QUI se c’è posto e invia la tua candidatura! 

In conclusione.

Quindi alla domanda iniziale “posso imparare a suonare il sassofono in maniera professionale” cosa ti senti di dirmi Tommaso? È veramente possibile?

Riconfermo ancora una volta ciò che ho detto prima: sì è “molto” possibile, se tu lo vorrai!

Ma da cosa dipende?

Dipende da te!

Non posso essere a casa con te quindi non potrò prendere il sassofono e obbligarti ad allenarti, è ovvio che gran parte dello sforzo sarai tu stesso a farlo.

Se vuoi imparare il sassofono ma poi lo lasci nella custodia, puoi avere accanto anche Mozart in persona su WhatsApp, però se tu non prendi in mano lo strumento è del tutto inutile.

Questo per spiegarti e ribadire ancora una volta che tutto DIPENDE DA TE in primis.

Io ti prometto che ti darò tutte le basi necessarie per renderti il miglior sassofonista, avrai a disposizione tutti i video e i corsi necessari, come il corso StarSax che passo dopo passo, attraverso decine di video lezioni approfondite ti seguirà passo passo.

Non mi resta altro che augurarti Buona Scelta e che Il Sax sia con te! 

Articoli correlati

Responses

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *