fbpx

Sei troppo vecchio😱 per imparare a suonare il 🎷Sassofono? Scoprilo…

Sono tanti anni che faccio musica e ti assicuro che ne ho sentite di tutti i colori. Quando avevo la mia scuola di sax a Milano (per poi trasferire tutto online tramite il progetto VSAXOPHONE) le 📞 chiamate tipo questa che ti riporto qui sotto erano all’ordine del giorno:

Suona il telefono…

LUI: “Salve Tommaso, ho visto i suoi video su Youtube vorrei cominciare a suonare il sax”

Io: “Buongiorno, mi fa piacere, grazie, va bene, possiamo vederci per un caffè in studio da me cosi ci conosciamo?”

Lui: “Ma pensa che io alla mia età possa ancora riuscire ad imparare qualcosa?”

Io: “Hehehe, dipende da quanti anni ha, dalla voce non mi sembra ancora passato a miglior vita…”

Lui: “Sai, (passa al tu per farmi tenerezza) io ho quasi 50 anni…”

Io: “Lo sa che il mio miglior allievo di pianoforte (quando 15 anni fa insegnavo anche quello per arrotondare 😂) era cieco (non cecoslovacco, ma cieco di vista, non vedente) e aveva 98 anni! Mi faceva Per Elisa di Beethoven “ad occhi chiusi” ahahah (si l’ammetto la cosa di Beethoven l’ho inventata adesso 😋 ma ci stava da morire!).

Dicevo, aveva 98 anni e suonava! Era davvero eccezionale nella sua semplicità!”

Lui: “….silenzio…. A si? Dici sul serio? (voce rincuorata 😍) Non sai che regalo mi stai facendo…

È tutta la vita che voglio cominciare a suonare il sax”

Io: “È arrivato allora il momento di fare il grande passo, l’aspetto in studio da me,

venga quando vuole che chiacchieriamo e se si ferma ascolta anche qualche allievo!”

Tante, tante tante chiamate così negli anni, persone che poi sono diventate anche amici importanti nel corso degli anni. Persone che da una telefonata sono diventati allievi per anni e poi hanno cominciato a suonare nei locali e sono diventati quasi professionisti del sassofono! Dico quasi per una ragione specifica che poi ti spiego qui più avanti.

Ma prima, un buon sottofondo musicale. Se ti va puoi leggere questo articolo ascoltando:

“My song” di Keith Jarrett con Jan Garbarek al Sax soprano.

Puoi decidere di farlo partire o di stopparlo.

Obiettivi, ne hai?

“O nooo ci risiamo…Sempre con sti caspita di obiettivi…hai rotto le scatole!!!” Se hai letto un po’ di articoli e guide di Vsaxophone, ti sarai accorto di come l’aspetto “Obiettivi” sia di fondamentale importanza e venga da me messo al primo posto, ancor prima di tecnica e qualsiasi altro aspetto saxofonistico.

Prima di partire dall’età anagrafica, che conta, ovviamente, ma spesso molto poco, pensa prima di tutto cosa ti piacerebbe fare, cosa vorresti suonare al sax ora, adesso?!

Cosa ti piacerebbe suonare per esempio a natale davanti alla tua famiglia o agli amici? Pensato?

Ora è il caso di capire se è fattibile, per questo ci sono io! Nel caso l’Academy fosse chiusa in questo momento o non sei ancora sicuro di inviare la tua candidatura, puoi prenotare per esempio una consulenza QUI, in modo che io possa ascoltarti, capire dove vuoi arrivare e costruirti una strategia efficace!

Hai almeno un pochino di Tempo? ⏱

L’argomento tempo è spesso sopravvalutato. Sarò scontato e banale nel dire che è meglio dedicare 30 minuti al giorno ben spesi e strutturati che 10 ore alla settimana senza impegno; poi ovvio che più ne hai e più lo sfrutti bene più ottieni risultati. Se fai solo Sax otterrai grandi risultati, se suoni 10 minuti alla settimana ne otterrai degli altri. Ma in ogni caso l’aspetto più importante è avere sempre in testa obiettivi chiari e seguire una strategia mirata. Evita di andare per sentito dire, così a naso, un po’ di qui un po’ di la. È il miglior modo per fallire e rimanere sempre allo stesso punto.

Fatti guidare! 👉

Sono troppe le persone che smettono di suonare dopo 1 settimana appena. Sai qual’è il problema? Uno solo! Manca la strategia, mancano gli obiettivi, non vedono il puntino in fondo al tunnel. Non lo vedono perché non ci pensano e nessuno gliel’ha fatto notare.

Solitamente io con l’ACADEMY (trovi info QUI per farne parte anche tu) accompagno mano nella mano (metaforicamente) la persona verso i suoi obiettivi, grazie ad strategia ad hoc che costruisco per ognuno.

Il sostegno è fondamentale! Tu immagina di dover attraversare un bosco pieno di pericoli e di poterlo fare mano mano con una persona che lo fa tutti i giorni e che conosce bene quel percorso. Ripensalo ora fatto da te nel buio più totale per la prima volta, senza nessuno al tuo fianco. IL rischio non è solo di fallire e fallire, ma c’è una elevata probabilità che non si arrivi mai dall’altra parte, o meglio, ai tuoi obiettivi, quindi a suonare come vorresti. Ovviamente sbagliando si impara, certo! Infatti comunque io racconto e spiego tutti i possibili errori (anche perché comunque ne farai lo stesso), il problema è che così perdi tempo, mesi, anni a volte, e spesso, per esperienza ti dico che si abbandona.

Avere pazienza 💊

Non puoi pensare di poter suonare come Charlie Parker in 3 mesi, è impossibile! Neanche con la pillola Blu alla Matrix puoi pensare di farcela!

Nella musica ci vuole tempo, tenacia, esperienza, ascolto, bisogna formare l’orecchio. Non smetterò mai di ripeterlo. Ci sono tanti accorgimenti per accelerare i tempi, come per esempio un determinato tipo di ascolto attivo (che guido singolarmente all’interno dell’ACADEMY) o alcuni allenamenti che puoi fare anche senza lo strumento direttamente al lavoro o nel tempo perso.

Conclusioni

Avrai capito che non è tanto l’età anagrafica a determinare il tuo successo sul Sax, bensì tutta una serie di modalità di pensiero e di azione che dovrai mettere in pratica. Tutto qui? Più o meno!😃

“Che il 🎷Sax sia con te 🙏” – Tommaso

 

Articoli correlati

Responses

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *